Incostituzionale il blocco di rivalutazione delle pensioni

La Corte Costituzionale si è espressa a favore dei cittadini. La legge del 2011 che negli ultimi anni ha drasticamente fermato l’adeguamento ISTAT delle pensioni INPS, non ha superato il vaglio di costituzionalità dei giudici.

La sentenza evidenzia il fatto che la norma ha pregiudicato il potere di acquisto dei trattamenti pensionistici, specialmente quelli più modesti. E ha deluso in modo irrimediabile le «aspettative legittimamente nutrite dal lavoratore per il tempo successivo alla cessazione della propria attività», violando così i principi di adeguatezza e proporzionalità, che sono espressione certa del principio di solidarietà di cui all’art. 2 della Costituzione e che garantiscono una sostanziale ed effettiva attuazione del principio di eguaglianza ex art. 3.

La sentenza 30 aprile 2015 n. 70 (Pres. Criscuolo, est. Sciarra) è consultabile nel suo testo integrale a questo link.

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.